Image Alt

Magazine

Eravamo tanti alla manifestazione di protesta contro la chiusura della SS35. Tanti amministratori, Sindaci, Associazioni, cittadini. Basta con annunci di riaperture e puntuali rinvii, per la SS35 dei Giovi, chiusa da Marzo 2021, serve un ripristino della viabilità in tempi certi e ristori a tutte quelle attività commerciali e quei cittadini che si trovano in una valle divisa a metà e raggiungibile solo percorrendo l’A7: autostrada che versa in condizioni drammatiche e dove ogni giorno si creano code chilometriche e ore d’attesa. Ho presentato due interrogazioni in

Nell'ultima seduta del Consiglio regionale abbiamo appreso con favore che la Giunta e la maggioranza abbiano accolto la nostra proposta di sostenere economicamente le società sportive dilettantistiche e le piscine pubbliche per affrontare il caro energia. La quasi totalità delle Società sportive dilettantistiche che gestiscono impianti sportivi vivono infatti grazie al contributo volontario genitori, dirigenti e istruttori, un contributo che non può far fronte all’aumento delle bollette arrivato dopo i mesi di chiusura e attività a singhiozzo a causa del Covid. Grazie a tutto il Gruppo

Nell'ultimo Consiglio Regionale ho interrogato la Giunta affinché si adoperi e faccia tutte le verifiche del caso per ampliare l’uso dell’asfalto fonoassorbente sulle Autostrade Liguri. Con piacere apprendiamo che alcuni tratti delle autostrade liguri siano già oggi provviste di asfalto fonoassorbente. Chiediamo però alla Giunta di sollecitare le società concessionarie a ampliarne l’utilizzo visto che sono numerosi i cittadini costretti a convivere con traffico e rumore ogni giorno: ricordiamo infatti che la nostra Regione è attraversata da 6 autostrade che la percorrano per 375 chilometri. Prendiamo atto

Domenica, come da tanti anni a questa parte, ero sul Monte Sella, a rappresentare Regione Liguria nel ricordo delle gesta e sacrificio di ragazzi come Luciano Zamperini detto Luci, Ezio Faggioni detto Lino e di tutti i componenti della Brigata Balilla che, il 14 Aprile del 1945, subirono un attacco da un grosso contingente tedesco, favorito dall’opera di informatori fascisti che studiarono bene la zona e le posizioni. Un attacco che vide perdere eroicamente la vita di Lino e Luci. Ma la Brigata Balilla riuscì